Il nuovo progetto di resilienza tra CADIS International e Visayas Primary Healthcare Services, Inc. (VPHCS) è già al terzo trimestre di attuazione.
Il VPHCS è un'organizzazione non governativa con sede a Cebu City, nelle Filippine, che lavora con oltre 100 organizzazioni di persone nelle comunità emarginate, organizzando programmi di assistenza sanitaria su base comunitaria e fornendo servizi di assistenza sanitaria primaria ai poveri. Il VPHCS conduce anche ricerche sulla salute e sulle scienze sociali e affronta questioni sanitarie urgenti nel settore sanitario. Ha contatti con agenzie governative, organizzazioni non governative, gruppi locali e internazionali e professionisti della salute per sostenere le iniziative sanitarie della popolazione nelle comunità.


Finanziato dalla CEI (Conferenza Episcopale Italiana), il progetto, della durata di 24 mesi, beneficerà 972 famiglie in quattro aree (barangays) di Cebu City: Pasil, Inayawan, Mambaling e Quiot Pardo.

Le Filippine sono considerate uno dei Paesi più a rischio di catastrofi al mondo a causa della loro posizione a rischio, delle loro caratteristiche geologiche, della pericolosa vicinanza all'anello di fuoco del Pacifico e di una popolazione povera e altamente a rischio, impoverita socialmente, economicamente e in termini di salute pubblica generale.

La Metro Cebu è la seconda regione in termini di crescita economica dell'intero Paese. Con una popolazione totale di 964.169 abitanti (PSA, 2020), la densità di popolazione di Cebu City è stimata a 3.061 abitanti per chilometro quadrato. La popolazione cittadina cresce costantemente a tassi elevati, poiché la transizione dall'agricoltura all'industria ha determinato un flusso consistente di abitanti delle campagne. I posti di lavoro e le varie fonti di reddito negli agglomerati urbani attirano naturalmente persone dalle zone rurali, dove le opportunità di lavoro e le fonti di reddito sono scarse e limitate.

La rapida crescita demografica e l'urbanizzazione di Cebu la rendono vulnerabile a molteplici tipi di minacce e problemi legati al rischio di catastrofi. La densa concentrazione di comunità in una particolare area aumenta il grado di vulnerabilità ai disastri e moltiplica esponenzialmente l'entità dei danni e delle interruzioni causate da qualsiasi tipo di calamità. Inoltre, i servizi di assistenza sociale, la costruzione di infrastrutture, la creazione di posti di lavoro, la crescita del mercato del lavoro e l'industrializzazione non riescono a tenere il passo con gli alti livelli e i tassi sempre più elevati di crescita, densità, immigrazione e movimento della popolazione urbana.
La popolazione urbana dei lavoratori a basso reddito, dei residenti poveri e dei migranti informali - che costituiscono la maggior parte della popolazione umana della città di Cebu - risiede in aree non sicure. In generale, queste comunità sono spesso situate in aree ad alta esposizione ai rischi e frequentemente colpite da quasi tutte le classi di disastri.


Uno dei principali disastri che gli abitanti di Cebu City devono affrontare è il controllo e lo spegnimento degli incendi e la risposta alle emergenze che coinvolgono la vita, la proprietà e l'ambiente derivanti dagli incendi. Gli incendi colpiscono spesso le aree urbane dove vivono gli abitanti poveri della città. Tra gli altri rischi significativi di causare incendi vi è l'uso di lampade a olio, candele, caricabatterie per cellulari e ventilatori elettrici collegati e alimentati da cavi elettrici improvvisati. Gli insediamenti informali di solito non dispongono di prese di corrente di base o semplicemente non possono permettersi i servizi offerti dalle società o dalle cooperative che forniscono l'elettricità.

Durante il tifone Odette del 16 dicembre 2021, le case costruite con materiali leggeri come compensato, assi di legno, fogli di plastica, amakan (foglie di palma secche intrecciate in fogli) e vecchie lamiere di ferro arrugginite per i tetti sono state facilmente danneggiate dai forti venti. Le linee elettriche e di comunicazione sono state distrutte e l'approvvigionamento idrico, che dipendeva dall'elettricità, è diventato molto limitato. Molti negozi e micro, piccole e medie imprese fisicamente gravemente danneggiati e privi di gruppi elettrogeni hanno dovuto chiudere. Le famiglie colpite vivevano già in situazioni difficili anche prima dell'arrivo del tifone, sopportando il peso delle difficoltà economiche causate dalla pandemia, e le loro condizioni sono peggiorate ulteriormente dopo la furia inaspettata della natura. Gli aiuti governativi sono stati insufficienti e non hanno soddisfatto i bisogni essenziali di tutte le migliaia di famiglie colpite.

I quattro coloni poveri urbani delle aree del progetto sono generalmente in difficoltà economica e passano gran parte del loro tempo a vendere la loro forza lavoro, a guadagnare salari di sussistenza e ad accollarsi debiti per far quadrare i conti e assicurarsi di avere abbastanza per sopravvivere e vivere un altro giorno. Con l'inflazione e l'aumento della pressione fiscale, i prezzi dei beni di prima necessità sono aumentati in modo allarmante.

Il progetto è stato concepito insieme ai leader del Panaghugpong sa mga Kabus nga Taga-Dakbayan sa Sugbo, che ha organizzato le organizzazioni popolari nelle quattro aree del progetto e continua a lavorare con i leader di queste organizzazioni nel tentativo di migliorare le loro condizioni di vita. Per costruire comunità resistenti ai disastri, i residenti devono essere messi in grado di affrontare gli effetti negativi dei rischi naturali. Per generare preparazione e risposta nella popolazione, è necessario sviluppare un piano di preparazione ai disastri su base comunitaria (CBDP).


Finalità del progetto
Entro la fine del 2025, la popolazione delle quattro comunità urbane povere avrà sviluppato una capacità di recupero nella gestione dei disastri.

Obiettivi 
Il progetto mira a raggiungere i seguenti obiettivi:

1. Formazione di comitati comunitari per la gestione dei disastri nelle quattro comunità, composti da 15 membri per ciascun comitato - comitato sanitario e comitato per i mezzi di sussistenza.
2. Elaborazione di profili comunitari delle comunità che includano le loro caratteristiche fisiche, amministrative, geografiche, demografiche, socio-economiche e infrastrutturali.
3. Vengono realizzati inventari delle risorse delle comunità che identificano le risorse disponibili a livello locale che possono essere sfruttate e potenziate per la preparazione e la risposta ai disastri.
4. Analisi del rischio e mappe di pericolosità che identificano le aree vulnerabili e a rischio sulla base delle esperienze precedenti, i gruppi di persone più vulnerabili, come gli anziani, i disabili, le donne incinte, le vedove e i bambini piccoli, il bestiame, le strutture deboli, le colture in piedi e i mezzi di sussistenza.
5. Ogni comunità elabora un piano di preparazione ai disastri su base comunitaria (CBDP) che contiene i principali componenti del CBDP.
6. Vengono condotte due esercitazioni simulate per verificare la preparazione della popolazione a gestire i disastri.
7. Viene preparato un elenco di emergenza per ogni area, che include i numeri di telefono e i dettagli di contatto di tutte le agenzie governative coinvolte nella riduzione e nella gestione del rischio di disastri, i dettagli delle ONG locali, i dettagli di contatto e i nomi di tutti i membri delle task force, della manodopera addestrata e delle persone con risorse.
8. Si stabilisce un coordinamento tra le organizzazioni popolari e i rispettivi Comitati di Barangay per la riduzione e la gestione del rischio di disastri in tutte le attività.
9. Promozione della sicurezza alimentare per i residenti attraverso programmi di sostentamento stabiliti in ogni comunità in base agli interessi dei residenti, alla redditività e alla disponibilità di prodotti di mercato.

Attività
1. Una serie di tre corsi di formazione sul Programma di Gestione dei Disastri su Base Comunitaria (CBDM) che saranno seguiti dal Comitato per la Gestione dei Disastri Comunitari.
2. Formazione per i comitati sanitari su primo soccorso, acqua, servizi igienici e igiene (WASH), consulenza sui traumi e gestione dello stress.
3. Organizzazione di esercitazioni simulate in caso di calamità che consentano alla popolazione di utilizzare il percorso sicuro individuato e di uscire dalle proprie case entro 3-4 minuti per raggiungere gli spazi aperti individuati nelle mappe della comunità.
4. Incontri con i comitati per la riduzione e la gestione del rischio di disastri e con le agenzie governative coinvolte nella gestione dei disastri, per avvalersi della loro assistenza tecnica per la formazione di persone, per le esercitazioni di simulazione di disastri e per altre risorse che possono fornire al progetto, in particolare per l'elaborazione di misure per affrontare i pericoli e le pratiche pericolose identificate.
5. Formazione per i comitati sui mezzi di sussistenza.
6. Mobilitazioni comunitarie per sviluppare misure per affrontare le aree vulnerabili e a rischio, nonché le pratiche che rendono i residenti inclini ai disastri, in particolare incendi e inondazioni.


Risultati del progetto
1. Comitati comunitari per la gestione dei disastri in ogni comunità, adeguatamente formati, che guidino il programma di gestione dei disastri a livello comunitario nella loro area.
2. Piano di preparazione su base comunitaria in ogni comunità che contiene il profilo della comunità, l'inventario delle risorse, la mappa dei rischi e l'elenco delle emergenze.
3. Comitato sanitario formato in ogni comunità, composto da 15 membri ciascuno.
4. Due esercitazioni simulate di successo in ogni comunità.
5. Assistenza tecnica fornita dal Comitato per la riduzione e la gestione del rischio di disastri in ogni barangay e dalle agenzie governative coinvolte nella gestione dei disastri.
6. Azioni di informazione e mobilitazione della popolazione per affrontare i pericoli e le pratiche pericolose, come la pulizia dei rifiuti nei fiumi che causano inondazioni, le precauzioni antincendio e le pratiche di prevenzione degli incendi.
7. Programmi di sussistenza per promuovere la sicurezza alimentare dei residenti.